Visitare le 5 terre è senz'altro un'esperienza da consigliare, che merita di essere vissuta.

Per farlo ci possono essere diversi modi: di seguito ne proponiamo uno sicuramente affascinante.

Visitare le 5 terre

Non possiamo nascondercelo, il desiderio di visitare le 5 terre è oggi condiviso da molte persone sull'intero pianeta.

Un fatto che determina, quasi sempre, la concentrazione di una folla consistente all'interno di spazi limitati.

Altro aspetto da considerare è quello relativo al mezzo di trasporto con il quale recarsi a visitare le 5 terre.

Le 5 terre: un luogo da visitare in moto

La soluzione ideale sarebbe quella di raggiungerle in moto. Chi può farlo evita qualsiasi problematica (se presta attenzione all'autovelox piazzato sulla strada littoranea)

Altre possibilità di raggiungere le 5 terre

Anche se treni e vaporetti, specialmente in alta stagione e nelle festività primaverili, risultano iperaffollati, le problematiche inerenti traffico e parcheggio ci inducono, comunque, a consigliare ai nostri ospiti l'utilizzo di mezzi pubblici.

Fra questi la nostra preferenza va al vaporetto. Un viaggio un po' più lungo ma anche affascinante lungo tutta la costa.

Ed in più la tranquillità derivante dall'assenza dei borseggiatori che invece sembrano avere trovato nei vagoni ferroviari iperaffollati uno spazio particolarmente favorevole alla loro attività.

Infine la comodità di acquistare un unico un unico biglietto che consente di salire e scendere dal battello, a piacimento, presso ognuna delle 5 terre.

Visitare le 5 Terre in bicicletta

Peraltro esiste un'ulteriore possibilità.

A nostro avviso la più affascinante. Quella che consente al viaggiatore di godere in tutta rilassatezza dei paesaggi offerti da questo splendido territorio: visitare le 5 terre in bicicletta.

Ovviamente non con una normale bicicletta che, inevitabilmente, negherebbe questo piacere alla maggior parte di noi. Bensì con una bicicletta elettrica a pedalata assistita.

Il servizio è fornito dal gruppo di giovani e competenti guide della cooperativa SIGERIC.

Vi condurranno su sentieri che attraversano i terrazzamenti ed i vigneti che caratterizzano il territorio delle 5 terre, dai quali sarà possibile affacciarsi sulle coste rocciose e su di un mare che sembrerebbe non avere confini.

Il punto di ritrovo dal quale prendere il via è a La Spezia.

Da lì, attraversando un castagneto si raggiunge l'abitato di Biassa, superato il quale, e, ormai circondati da macchia mediterranea, si sale fino a raggiungere il colle del Telegrafo.

E poi giù verso il borgo di Volastra al centro di terrazzamenti vignati, nel cuore della produzione dello Sciacchetrà, il vino passito delle 5 terre.

La tappa successiva è rappresentata dal bel borgo di Manarola dove, dopo l'aperitivo a base di vino bianco locale, in tutta libertà, sarà possibile pranzare e visitare il borgo. 

Nel pomeriggio percorrendo la litoranea, strada sulla quale si possono scorgere scorci panoramici unici, con la calma che si addice al viaggiatore, avverrà il ritorno a La Spezia.


Il percorso dell'intero tour è di circa 35 km con una partenza prevista per le 9,30 ed un rientro intorno alle 16,30.

Gli ospiti del B&B Eremo Gioioso, se lo richiedono, possono essere accompagnati al punto di partenza entro l'orario previsto e, conseguentemente, ripresi al loro rientro, nel pomeriggio nel solito punto, .


Il Tour è organizzato tutti i mercoledì a partire dal mese di Aprile e fino alla fine di Ottobre, e prevede un numero minimo e massimo di partecipanti che va da 6 a 15.

Il suo costo è di € 50 e include il servizio di accompagnamento della guida, il noleggio della E-Bike e del caschetto e la copertura assicurativa.

- - - http://bedandbreakfastpontremoli.it/ 2016-03-27 always 1.0